Sconfiggiamo insieme la violenza ai tempi del Covid-19 – consigli utili

Nemmeno il Covid-19 ha placato l’uomo violento: diciotto femminicidi durante il lockdown e un diciannovesimo oggi. Ma cosa possiamo fare per fermare e sconfiggere questa terribile violenza domestica?

I segnali ci sono sempre, i numeri da chiamare per essere aiutate sono tanti: con l’app YouPol è possibile pure segnalare in tempo reale i reati di violenza domestica agli operatori di Polizia di Stato; è possibile inviare una segnalazione a YouPol anche in forma anonima.

La violenza domestica non deve restare a casa, ma va segnalata in sicurezza, per esempio rivolgendosi direttamente al numero verde della nostra associazione, Telefono Azzurro Rosa (800 001122), in qualsiasi ora del giorno e della notte, o, per chi non fosse della provincia di Brescia, il numero nazionale 1522.

La vittima di violenza, se non è masochista, dovrebbe seguire i consigli che diamo sempre e, oltre a chiamare i numeri suddetti, dovrebbe conservare un diario dei fatti accaduti; conservare messaggi, chiamate, lettere, e-mail e tutte le altre prove relative allo stalking, che è l’inizio della violenza sistematica. Dovrebbe cambiare anche le abitudini per confondere il suo potenziale stalker, e dovrebbe creare una rete di aiuto informando amici, parenti, colleghi, datori di lavoro, eccetera.

Se la potenziale vittima si sente in pericolo, sarebbe opportuno che tenesse pronto uno zainetto per la fuga, per esempio nascondendolo in auto o da vicini o amici o in un posto segreto della casa.

Se la donna vittima di violenza ha dei figli minori, prima di allontanarsi dalla casa con costoro, per evitare una denuncia per sottrazione di minori, è opportuno che chiami il 112, in particolare se il maltrattante possiede armi.

Sono questi consigli spiccioli, ma utili il più delle volte per salvarsi la vita. Sarebbe bene, per esempio, non rivelare a nessuno l’intenzione di lasciare il partner violento e di chiedere aiuto a qualche associazione o centro Antiviolenza.

XXVIII Festa della Befana in Azzurro Rosa

Anche quest’anno la Befana è atterrata puntualmente al Centro Sportivo San Filippo, di Brescia, portando calze e doni per i tantissimi bambini presenti.

Successivamente, sono stati anche estratti i 25 premi relativi alla sottoscrizione: per chi non avesse potuto presenziare, questi sono i numeri dei biglietti vincenti:     

1      Televisore LG 49 pollici                                             258            ritirato

2      Servizio Pentole MEPRA 4 pezzi con coperchi         444            ritirato

3      Auto 500 radiocomandata PEG PEREGO                 82            

4      Seggiolino prima pappa “siesta follow me” PEG PEREGO                                                                                           18            

5      Passeggino a ombrello PEG PEREGO                      2029         

6      Culatello + Formaggio Grana Reggiano AMBROSI  102            ritirato

7      Seggiolino auto “primo viaggio” PEG PEREGO       328           

8      Due telecamere da interni                                         361           

9      Servizio posate 36 pezzi MEPRA                               373           

10    ½ Prosciutto Crudo + Formaggio Grana Padano AMBROSI                                                                                        068           

11    Peluche grande                                                          398           

12    Orologio a muro “Bordeaux” Elettrolux                   427           

13    Cesto “anticrisi” Azzurro Rosa                                 182            ritirato

14    Cuscino grande doppio Barbanzé con peluche       2355          ritirato

15    Umidificatore a caldo De Longhi                               2411         ritirato

16    Due orchidee con pianta grassa                               2193         ritirato

17    Abat-jour Elettrolux                                                   318            ritirato

18    “Cioccolé” Amstrad – Macchina per il cioccolato    442           ritirato

19    Gioco “Ciccio Bello”                                                 059           

20    Scaldino portatile Imetec                                           2408         

21    Gioco “supermercato” con registratore                   2018         

22    Boule ricaricabile senza filo                                      2020         

23    Vaso per fiori colore grigio                                       2412          ritirato

24    Radiosveglia elettronica                                            346            ritirato

25    Cuffia “ON2” Hi-Fi                                                     2494         

Se hai partecipato alla Festa della Befana in Azzurro Rosa, e ci hai aiutato acquistando qualche biglietto della sottoscrizione a premi, ma non hai potuto essere presente all’estrazione, questo è l’elenco dei premi ancora rimasti in sede. Per ritirare il premio, porta il biglietto vincente al Telefono Azzurro Rosa in via San Zeno, 174, a Brescia, vicino al Gran Teatro Morato. Per maggiore sicurezza, comunicaci il tuo arrivo chiamando al 337 42 73 63

25 Novembre 2019

Il Telefono Azzurro Rosa, in occasione della Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza contro le Donne, organizza un incontro, per i volontari e per i simpatizzanti della nostra Associazione, con il dr. Roberto SpanòPresidente presso il Tribunale Penale di Brescia, sul tema della violenza di genere, ed in particolare su quale sia l’iter che si sviluppa dopo che la donna ha sporto la querela, dal titolo  “E dopo la denuncia?…”

L’incontro si terrà presso la nostra sede, in via San Zeno, 174, a Brescia, dalle ore 18.30.

Invito a Nicolas ed ai suoi compagni di classe

Colpiti dalla bella notizia che tutti i compagni di Nicolas, della scuola primaria Don Milani di Forlimpopoli,  sotto la guida dell’educatrice Valentina Braghini, hanno deciso di imparare il linguaggio dei segni, per poter comunicare con lui, l’Associazione Telefono Azzurro Rosa invita tutta la classe ad una giornata di festa presso il nostro Parco di Morbidò di Forlimpopoli, sito in via dell’Artigiano, 5. Continue reading “Invito a Nicolas ed ai suoi compagni di classe”

… un tempo per star bene e per far star bene …

Una bella iniziativa di sostegno alla nostra Associazione!
Sabato 13 luglio dalle 14 alle 20, e Domenica 14 luglio 2019 dalle 10 alle 18presso la sede del Telefono Azzurro Rosa, in Via San Zeno, 174 BRESCIA, un gruppo di professionisti in Discipline Bio Naturali sarà presente per un weekend di festa, per grandi e piccini, mettendo a disposizione la loro arte per raccogliere fondi a sostegno dell’operato del Telefono Azzurro Rosa. Continue reading “… un tempo per star bene e per far star bene …”

Il pregiudizio del diritto alla violenza.

Squilla il telefono: una voce flebile e smarrita sussurra “sono sconvolta… sto male…“. Silenzio… Incoraggiata a proseguire, dopo poco, aggiunge “mi chiamo Romina, e vivo in Emilia Romagna: due ore fa il mio compagno, con il quale vivo da due anni, buono, amorevole, gentile… improvvisamente mi ha percosso (ho vari evidenti segni), senza che ci fosse una motivazione o che avessi detto qualcosa di spiacevole… che accadrà ora?“.

Con calma, l’operatrice riesce ad avere almeno il numero di telefono dal quale chiama, ma altre poche informazioni, perché la giovane ha paura. Vengono immediatamente informati gli operatori della nostra sede di Forlì, che si attivano per aiutare la giovane a superare quel momento per lei molto drammatico.

A noi non resta che chiederci se ci possono essere sono tante donne che pensano che, con una motivazione o per qualche parola sbagliata, siano giustificati atti che sono solo di violenza.

In altri termini, secondo la nostra giovane interlocutrice, se avesse commesso un errore, o detto qualche parola inopportuna, allora il suo convivente avrebbe avuto l’autorizzazione di farle del male?

Ci piacerebbe sentire il vostro parere. Brava comunque a rivolgersi a noi per chiedere aiuto, manifestare il disagio, avere un consiglio, raccontare e sfogarsi. Anche a questo servono Associazioni come la nostra.

Ivana Giannetti

A proposito di Violenza…

Perché resti in silenzio? 

  • Perché hai paura di dover subire di più?
  • Perché di vergogni?
  • Perché pensi che sia anche colpa tua?
  • Per qualsiasi altro motivo?

Troppo spesso ci si dimentica di chiedere aiuto, che sia per vergogna, o per senso di dignità o per il desiderio di riuscire da soli, ma in questo caso, si rischia sempre di perdere.

Ci sono problemi in grado di far dimenticare che si può veramente essere aiutati: tra questi c’è proprio lo STALKING.

Allora contatta il Telefono Azzurro Rosa, a questi nostri recapiti:

Noi vorremmo ribaltare l’utilizzo della formula “A.D.R.” (a domanda risponde) tipica delle Istituzioni in occasione delle denunce. Vogliamo essere noi operatori nel sociale a chiedere alle donne e agli uomini che incontriamo nei vari luoghi, di rivolgerci le loro domande sugli argomenti di cui ci occupiamo.

Consideriamo l’informazione, la formazione ed il coordinamento tra le istituzioni ed il volontariato come le armi indispensabili per combattere la violenza.

Quante parole… aspettiamo che ci chiami!