Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne 2021

Per riconoscere e condividere mediante la informazione e la sensibilizzazione la ricorrenza del 25 novembre, abbiamo pensato di organizzare un evento a tema per mercoledì 24, presso il nostro Parco di Morbidò, in via Via San Zeno 174, a Brescia.

Pochi sono a conoscenza di questa data e del suo significato, scelta in onore delle sorelle Mirabell, attiviste della repubblica dominicana, uccise per la loro opposizione al regime dittatoriale.

I recenti e continui fatti di cronaca evidenziano un incremento della violenza sulle donne, spesso complice il silenzio, che è il male più grande di questo problema, in particolar modo nei piccoli centri, dove la violenza si consuma nel silenzio e dal silenzio continua ad essere avvolta, un po’ per paura e un po’ per vergogna.

Noi consideriamo che questo chiudersi dentro delle donne e farsene una colpa sia intollerabile, e pensiamo che i comuni tutti dovrebbero proporsi come portavoce della lotta alla violenza sulle donne. Intanto cominciamo noi, del TELEFONO AZZURRO ROSA, con questa iniziativa  “Le scarpe di Alice” in collaborazione con Musical-Mente, accademia di musica, teatro ed eventi, alla quale seguirà, quando sarà possibile, una manifestazione chiamata “libera dalla paura e dalla violenza“.

Vi aspettiamo tutti dalle 19.30 presso il Parco Morbidò, ed è gradita una prenotazione al 337 427363

Un sentito ringraziamento ad Ambrosi, Le Perle del Garda e ad Aliprandi, che contribuiranno, con i loro prodotti, ad una piacevole apericena.

 

Mercato delle Pulci al Telefono Azzurro Rosa

Domenica 24/10 dalle 10 alle 18, ti aspettiamo al mercatino solidale che si svolgerà in quartiere c/o l’associazione Telefono Azzurro Rosa di via San Zeno 174. Un momento di svago, ma anche di beneficenza.
Alla fine della giornata, sarà possibile partecipare all’aperitivo solidale. Con 7 euro, una bevanda (alcolica o non alcolica) e due empanadas (di carne o di verdura), da prenotare direttamente a noi o a I Peruvià al numero +39 333 262 6765.
Vi aspettiamo numerosi e rimarrete
sbalorditi da ciò che vedrete e che potrete avere ad offerta libera a partire da 5 e 10 euro ( per esempio
capi del grande stilista BRUNELLO CUCINELLI); tanti abiti per bambini
e giocattoli gratis e…TANTO altro !
In caso di pioggia, l’evento sarà annullato!
Balconi Azzurri
Genitori scuola Canossi
Il girasole

Ci dai una mano?

Sabato 11 settembre, il Telefono Azzurro Rosa ospiterà, presso il parco Morbidò, l’evento organizzato dal Consiglio di Quartiere «Lamarmora» per regalare a quasi trenta giovani aiutati dall’associazione Eméra il materiale scolastico è stato raccolto presso numerosi sponsor e tante donazioni di privati cittadini.

Sarà un’occasione, quindi, per essere ancora una volta vicini ai minori, coerentemente con la mission che dal 1988 costituisce il nostro obiettivo e la ragione della nostra attività. Per questo, ci uniamo al Consiglio di Quartiere «Lamarmora» nel ringraziare quanti hanno collaborato, ed auguriamo ai giovani che interverranno di poter trarre il massimo beneficio dall’anno scolastico che sta per iniziare.

Riflessioni sulla tragedia di Vanessa

A proposito dell’assassinio della giovane Vanessa ad opera del suo ex, vorremmo innanzitutto inviare le più sentite condoglianze alla famiglia Zappalà, che in questo momento si chiederà perché sia accaduta questa cosa e che forse si poteva evitare con più acume, professionalità, tempestività e collaborazione anche con il volontariato locale e nazionale.

Quindi è l’occasione, questa, per rivolgersi a tutte le donne che vivono le stesse situazioni persecutorie di Vanessa, perché sporgano sicuramente la denuncia, ma immediatamente dopo le prime avvisaglie di violenza e minacce, e contemporaneamente si rivolgano anche alle associazioni di volontariato, tipo la nostra, Telefono Azzurro Rosa, per essere accompagnate durante tutto il percorso che seguirà dopo l’avvenuta denuncia, così da garantire che le minacce non abbiano séguito.

Capisco lo scetticismo di chi leggerà quanto stiamo dicendo, ma io mi auguro che tutte le Associazioni che si occupano di Violenza alle Donne siano in grado (e ne sono certa) di mettere in atto tutte le misure necessarie, caso per caso, per evitare quanto accaduto a Vanessa.

Sicuramente dobbiamo fare un salto di qualità, tutti, Scuola, Forze dell’Ordine, Volontari, Consulenti, e perché no, anche Avvocati e Magistrati, per poter collaborare, ciascuno con le proprie competenze, anche se difficilissimo, per porre fine a questo sterminio di donne.

Per quanto riguarda noi del Telefono Azzurro Rosa, ci abbiamo provato tante volte, ma ci siamo resi conto che ognuno pensa al proprio orticello, a danno della soluzione dei problemi.

Siamo a disposizione di chiunque volesse collaborare, per arrivare a dire, finalmente “basta violenza sulle donne”!

Ivana Giannetti
Presidente del Telefono Azzurro Rosa

Un altro femminicidio

Penso a quella giovane e bellissima ragazza di 26 anni, Vanessa Zappalà, uccisa sul lungomare di Acitrezza nel Catanese, con vari colpi di pistola alla testa, dall’ex fidanzato che aveva denunziato per stalking.

Ecco, l’AVEVA DENUNZIATO con coraggio e determinazione: che altro doveva fare?

Che cos’altro può fare una ragazza piena di sogni e di speranze oltre che denunziare, perché quella persecuzione avesse fine?

Qual’è stata la risposta delle Istituzioni competenti, che ben sapevano che il soggetto deteneva un’arma regolarmente denunziata ?

In casi come questo non c’è che un unico rimedio possibile: BRACCIALETTO ELETTRONICO e obbligo di firma 2 volte al giorno in Caserma, o CARCERE duro.

Vogliamo porre fine a queste esecuzioni o aspettiamo che altre donne vengano trucidate?

Basta con queste aberranti violenze e diamo un significato alla solita frase “NO ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE”.

Ma l’avete vista la foto di questa bellissima e dolcissima ragazza assassinata ? A me non dà tregua e, avendo lavorato 40 anni in Polizia, penso che avrebbe potuto essere salvata, come tantissime altre donne.

Non mi spingo mai così oltre, ma alla mia età voglio esprimere tutto il mio dolore per queste assurde morti.

BASTA, BASTA, BASTA!!! e non mi tocca che l’omicida si sia suicidato.

Ivana Giannetti – Presidente del Telefono Azzurro Rosa

Telefono Azzurro Rosa verso l’Afghanistan

Le agghiaccianti notizie che ci giungono dall’Afghanistan ci portano a pensare che ognuno di noi nella sua specificità può fare qualcosa per aiutare, in particolare le persone più fragili, come donne e bambini.

Sicuramente noi siamo tra questi perché da più di trent’anni ci occupiamo di prevenire la violenza sulle donne e sui bambini, anche mettendo a disposizione la nostra Sede. Se ne deduce che siamo disponibili fin da ora ad accogliere donne con bambini in fuga dall’Afghanistan.

Ma Saman è ancora viva?

Da giorni, tutti noi volontari del Telefono Azzurro Rosa, ci chiediamo che fine abbia fatto Saman Abbas, la ragazza pakistana contrastata dalla famiglia per non volere un matrimonio combinato.

Se ne sente parlare sempre meno, forse proprio perché pakistana? Forse solo perché appartiene alla comunità pakistana? Saman è (vogliamo credere che possa essere ancora viva, anche se hanno terminato di cercarne il corpo) una ragazza di diciotto anni nata in Pakistan, giunta in Italia giovanissima, e ben inserita nella comunità di Novellara, amante della libertà e della vita, tanto da tentare di far capire ai propri familiari la sua scelta di amare un coetaneo, pure pakistano, ma non quello che avevano scelto i genitori.

Non possiamo permettere che lo straniero che vive in Italia non possa adeguarsi ai nostri valori più alti, come la liberà e l’autodeterminazione.

Riteniamo che non abbia avuto molto supporto questa giovane ragazza da noi italiani in particolare e, men che meno, da una comunità pakistana ben radicata in Italia. Dopo la sua scomparsa, pochi si sono attivati e mobilitati per manifestare la solidarietà nei confronti di questa vittima di una mentalità poco civile.

Quanti politici, quanti rappresentanti del dialogo con il mondo pakistano, si sono levati in difesa di questa giovane vittima di un fallimento dell’integrazione tra diverse culture?

Dove è l’onorevole Boldrini con i suoi amici? Perché non si sono inginocchiati di fronte a questo grave insulto nei confronti delle donne?

Noi vogliamo ancora sperare che Saman sia viva e che prima o poi torni tra noi. In tal caso l’accoglieremmo volentieri presso la nostra sede, e questo invito lo estendiamo anche tutte le altre “Saman” che si trovassero a vivere le stesse situazioni.

Finalmente si riapre!

Dopo questo terribile periodo della pandemia, finalmente possiamo comunicare ai bambini che hanno sempre frequentato i nostri parchi giochi di Brescia e di Forlimpopoli (FC), che stiamo riaprendo i nostri spazi Morbidò, così potranno riprendere le attività ludiche all’interno ed all’esterno, grazie ai gonfiabili ad altri giochi messi a disposizione.

I nostri spazi sono utilizzati anche per organizzare -compleanni per bambini, -baby parking d’emergenza, quando le famiglie non possono accudire i figli, -grest estivi, -ricorrenze di battesimi, cresime, comunioni, eccetera.

Il nostro obiettivo è, oltre a quello di far giocare i bambini in compagnia, permettere loro un sano movimento.

Per informazioni: a Brescia 030 353 0301 e 337 427363; a Forlimpopoli 380 5921280

Brunello Cucinelli “for Telefono Azzurro Rosa”

Un ringraziamento speciale al grande stilista Brunello Cucinelli, che ha dato vita al progetto “For Humanity“, donando a varie associazioni, tra cui la nostra, tutta la sua produzione (per donne, uomini e per bambini) rimasta invenduta durante il Lock Down.

Una grande risorsa per noi, dalla quale potremo ricavare offerte per questi bellissimi capi, che hanno un notevole valore economico e grande prestigio estetico.

Appena il tempo necessario per organizzarci, ed informeremo chi fosse interessato, così che possa approfittare di questa opportunità, totalmente a vantaggio delle persone che aiutiamo.

Per informazioni, chiamare 030 353 0301 – 337 427363

III Edizione di Benessere Solidale

Sabato 12 Giugno 2021 dalle 10 alle 20 – presso la sede del Telefono Azzurro Rosa, in Via San Zeno, 174 BRESCIA

 “Una giornata di solidarietà aperta a tutti, grandi e piccini, durante la quale impareremo a prenderci cura della nostra salute raccogliendo fondi a sostegno dell’operato del Telefono Azzurro Rosa.”

 Programma (lezioni interattive – teorico/pratiche):

  • ore 10.00 ALIMENTAZIONE e alimenti atti a rafforzare il sistema immunitario con il Biologo Nutrizionista Dr. Giovanni Corsetti
  •  ore 11.30 FENG SHUI come creare armonia negli ambienti domestici con Milva Bigoni (Naturopata, Consulente Maharishi Ayurveda e Aura – Soma)
  •  ore 14.00 AYURVEDA le basi della medicina indiana e consigli utili per la quotidianità con Giacomo Belotti (Divulgatore scientifico ayurveda)
  • ore 15.15 METODO REME pratiche per alleviare dolori muscolari e articolari con Angelica Dalprà (Operatore olistico Siaf – Mobility Trainer del Metodo Reme)
  • ore 16.30 FIORI DI BACH cosa sono, come e quali utilizzare in questo periodo storico per migliorare il tono emozionale con Alessandra Balduzzi (Naturopata, specializzata in floriterapia)
  • ore 18.00 AUTODIFESA atta a spiegare i fondamenti della tutela fisica, delle dinamiche psicologiche ed istintive con Angelo Ferrari (Ex Poliziotto, Esperto di Arti Marziali Palestra Shinobi Club Brescia)

La partecipazione ad un singolo incontro richiede un’offerta minima di Euro 10 – Per chi vorrà seguire più lezioni, dopo la prima, il contributo sarà di Euro 5,00 cad.

  • Per tutti i bambini sarà in funzione gratuitamente il Parco di Morbidò del Telefono Azzurro Rosa e verrà dato loro un omaggio per la presenza.
  • Durante l’intera giornata, per chi volesse contribuire, all’interno della sede del Telefono Azzurro Rosa, raccoglieremo generi alimentari che verranno in seguito distribuiti a famiglie in difficoltà.

Il tutto si svolgerà nel più completo rispetto delle norme di sicurezza previste dalla legge in ambito Covid-19

                 Evento organizzato da:

  • Energia Vitale – Agnese Della Noce: info al cell. 348 5665875

 

  •   Metodo Reme – Angelica Dalprà: info al cell. 338 5913519